skip to Main Content

AFGHANISTAN ADDIO. IL TERRORE TORNA A KABUL

L’ex ambasciatore italiano a Kabul, sulle pagine del Manifesto, racconta la storia di questi ultimi venti anni di guerra e le responsabilità politiche che possono spiegare anche il prossimo bagno di sangue. Facendo un passo indietro nella Storia, vediamo innanzitutto come è stato possibile portare avanti una guerra che risale agli anni ’80. Tutto ha inizio con l’invasione dell’Afghanistan da…

Leggi articolo completo

SI AGGRAVA LA CRISI POLITICA TRA UE E POLONIA

Il ministro della giustizia polacco ha detto mercoledì (21 luglio) che non è possibile che la Polonia si conformi alla sentenza della massima Corte dell’Unione Europea che ha stabilito che il nuovo sistema volto a disciplinare i giudici infranga il diritto comunitario e dovrebbe pertanto essere sospeso. Sono parole durissime che confermano e forse aggravano la frattura tra Bruxelles e…

Leggi articolo completo

SALVIAMO VENEZIA

Dopo un decennio di immobilismo dovuto alle difficoltà di conciliare da un lato il problema del lavoro che gira attorno alle crociere e dall’altro il problema dell’impatto ambientale sulla laguna, sembra che il governo abbia trovato una soluzione soddisfacente. A nostro avviso non si tratta di valutare la soluzione dal punto di vista economico in quanto bisogna tener conto che…

Leggi articolo completo

OLIMPIADI DA BRIVIDO

Oggi saranno inaugurati in forma solenne i XXXII giochi olimpici di Tokyo 2020 sempre che il Covid non venga a guastare questo evento. La città è blindata, nessun accesso sarà consentito ai turisti che avevano deciso di presenziare a questa cerimonia e forse non verrà dato il nulla osta neppure ai 10.000 cittadini giapponesi che avevano già acquistato il biglietto…

Leggi articolo completo

SOVRANISMO IN CRISI

Sempre più duro lo scontro tra la Polonia e la Corte di Giustizia UE che ha bocciato la riforma della giustizia in Polonia. Lo ha stabilito giovedì 15 luglio la CdG (CG UE) accogliendo il ricorso della Comunità europea presentato nel 2019. Lo scontro dura ormai da alcuni anni e sembra che neppure le sanzioni minacciate dall’UE siano riuscite a far…

Leggi articolo completo

IL FUTURO DELLA MOLDAVIA: UN NUOVO TEST PER L’UE

La presidente europeista della Moldavia Maia Sandu, che ha indetto le elezioni parlamentari anticipate ad aprile, conquista anche la maggioranza dei 101 seggi del Parlamento moldavo, che prima era in mano alla coalizione filo-russa di Igor Dodon. Il partito Azione e Solidarietà (PAS) dell’attuale presidente è espressamente favorevole ad un avvicinamento del paese all’UE e agli USA conquistando la maggioranza…

Leggi articolo completo

ASSALTO ALLA FORTEZZA EUROPA

Non è un caso se, tra i primi gesti compiuti la nuova amministrazione USA, abbia cercato di instaurare nuove relazioni con l’UE, anche per ribadire il suo ruolo di leadership mondiale revocando i dazi posti da Trump sulle esportazioni dell’UE per una serie di merci che avevano bloccato il commercio tra le due potenze. Ma la mossa di Baiden è…

Leggi articolo completo

TEMPI DURI PER I SOVRANISTI

Come avevamo scritto in un recente articolo, il Parlamento europeo aveva richiesto alla Commissione di promuovere un procedimento di infrazione nei confronti dell’Ungheria per la sua legge anti LGBT. Senza attendere la scadenza dei termini previsti dal regolamento dell’UE, la Commissione europea ha avviato due procedure di infrazione separate contro l’Ungheria: una generale contro le nuove regole imposte dal governo…

Leggi articolo completo

PUGNO DURO DELL’UE CONTRO L’UNGHERIA

Nel corso del vertice dei capi di governo tenutosi a fine giugno a Bruxelles, c’è stato un fuoco di fila contro il governo ungherese per misure assunte nei confronti delle minoranze sessuali da parte del Parlamento ungherese. E’ stato l’olandese Rutte a minacciare l’espulsione di Budapest dall’UE “per chi promuove quelle leggi – avverte – non c’è spazio nell’Unione” chiedendo…

Leggi articolo completo

CRONACA DI UN MASSACRO

“Un’orribile mattanza”. Questa è l’espressione usata dal GIP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere che, su richiesta della Procura, ha emesso ben 52 misure cautelari per i gravi fatti avvenuti all’interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere il 6 aprile del 2020. Le indagini, ancora aperte, sono originate dagli eventi successivi alle manifestazioni di protesta di alcuni detenuti…

Leggi articolo completo
Back To Top
Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi