skip to Main Content

VEDOVA PERSEGUITATA DAL COGNATO CHE LA RECLAMA IN SPOSA: RICONOSCIUTO LO STATUS DI RIFUGIATA

La Corte di Cassazione, Sez. I Civ. con sentenza n. 28152/17 del 24.11 u.s., ha riconosciuto lo status di rifugiata ad una straniera che era scappata dal suo paese, la Nigeria, per sfuggire ad una tradizione che la obbligava a sposare il fratello del marito defunto. Nel caso esaminato la donna si era rifugiata in Italia facendo richiesta di protezione, respinta prima dal Tribunale e poi dalla Corte d’Appello che hanno ritenuto irrilevanti le disavventure da lei vissute in patria. Tra l’altro la donna aveva raccontato di essersi rifiutata di sposare il fratello del marito per cui era stata allontanata dalla sua abitazione, privata della potestà genitoriale, spogliata dalle sue proprietà e perseguitata dal cognato che reclamava il suo “diritto” di averla in sposa. La Corte di Cassazione ha ritenuto evidente la “persecuzione” subita in patria dalla donna, in quanto donna per cui, dice la Corte, “ci troviamo di fronte ad un clamoroso episodio di violenza nei confronti delle donne com’è altrettanto evidente il timore di una pesecuzione personale” in caso di ritorno della nigeriana in patria.

Dicembre 2017

Fonte D & G 27/11

(Nota a cura avv. E. Oropallo)

Vedova perseguitata dal cognato che la reclama in sposa. Riconosciuta lo status di rifugiata

Translate »
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi