skip to Main Content

La traduzione del decreto di espulsione non basta per garantire il diritto alla partenza “volontaria”.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con sentenza n. 28158/17 del 24.11 u.s. in quanto il decreto di espulsione, pur tradotto nella lingua ufficiale dello Stato di appartenenza del cittadino extracomunitario, non garantisce la conoscibilità di quanto previsto dall’art. 15 c. 5.1 ossia la facoltà per il cittadino di poter lasciare spontaneamente il territorio dello Stato entro uno specifico termine. La Suprema Corte, nel caso esaminato, ha ritenuto violato il diritto di opzione riconosciuto dall’art. 15 comma 5.1 d.lgs. n. 286/1998 che prevede che lo straniero abbia la facoltà di richiedere “un termine per la partenza volontaria, mediante schede informative plurilingue”. Insomma l’interessato non è stato messo in grado di esercitare in concreto un proprio diritto che è stato violato dalla mancata informativa che gli doveva essere fornita.

Fonte

D&G 27.11.2017

Nota a cura avv. E. Oropallo

La traduzione del decreto di espulsione non basta per garantire il diritto alla partenza volontaria.

 

Translate »
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi