skip to Main Content

A breve il telepass europeo

Se ne parla ormai da anni e dal 2004 c’è anche una direttiva che lo prevede, attuata cinque anni dopo con una decisione della Commissione UE (la n. 750/2009). Così la UE si prepara ad una soluzione che dovrebbe arrivare in porto per la fine dell’anno che comprende anche modifiche al sistema dell’Eurovignette per i veicoli pesanti. Modifiche sono ancora possibili: il dibattito sulla proposta della Commissione è previsto per il 24 aprile: il voto sul dossier è previsto per il 15 maggio in commissione Trasporti per essere poi licenziato a luglio in sessione plenaria a Strasburgo. Quindi toccherà alla Commissione, insieme al Consiglio e al Parlamento, arrivare al testo finale: verosimilmente, tutto si concluderà in autunno, di certo entro la fine dell’anno. Altro problema è il recupero dei pedaggi non pagati dagli stranieri.Il testo prevede un meccanismo analogo a quello delle infrazioni più gravi e collegamenti telematici tra gli Stati per rintracciare i proprietari dei veicoli per notificare loro la richiesta di pagamento. Per quanto concerne la Eurovignette obbligatoria per il trasporto pesante, si cercherà di definire criteri di tariffazione più omogenei tenendo conto del principio del “chi usa paga” e del “chi inquina paga”.

Fonte

Quotidiano del diritto

Marzo 2018

Nota a cura

Avv. E. Oropallo

A breve il telepass europeo

Translate »
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi