skip to Main Content

CONGO UNA TERRA SENZA PACE

L’uccisione dell’Ambasciatore Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e dell'autista Mustapha Milambo “accende – come scrive l’ISPI - i riflettori sulla Repubblica Democratica del Congo e sulle dinamiche di insicurezza profonda che attraversa la regione”. Lontana da questa realtà, l’Europa sembra sorprendersi per episodi efferati come questi. Ma è davvero tanto lontana l’Europa? Se si cercano le responsabilità per questo…

Leggi articolo completo

IL VERO VOLTO DI NAVALNY – prima parte

Pubblichiamo la prima parte di un articolo dedicato sempre alla vicenda del dissidente russo Navalny. La seconda parte sarà pubblicata la prossima settimana. L’uomo che i media hanno designato come il grande oppositore del Cremlino “gode di un consenso risibile nel proprio paese” scrive il quotidiano “Il Dubbio” del 26 gennaio u.s.. Forse la stampa ha creato un mito che…

Leggi articolo completo

IL RECOVERY PLAN E I RITARDI NELLA PREPARAZIONE DA PARTE DEL GOVERNO CONTE

Una delle ragioni che hanno provocato la caduta dell’ultimo governo Conte è stata l’incapacità dello stesso – come ha denunciato l’ex premier Renzi – di redigere un Recovery Plan sulla scorta delle indicazioni fornite dall’UE. A questo proposito va fatta luce sulla responsabilità del governo dimissionario ed in particolare di Conte che, dopo mesi passati a discutere, proporre una regia…

Leggi articolo completo

NUOVO GIRO DI VITE IN UNGHERIA ALL’INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Klubradio, l'ultima radio indipendente in Ungheria, sarà costretta ad abbandonare le sue frequenze dopo la sentenza del Tribunale che ha rigettato il ricorso contro il rifiuto del Consiglio Nazionale dei media di estendere la sua licenza. Contro questo ennesimo attacco all’informazione libera, l ’International Press Institute (IPI) e la Federazione europea dei giornalisti hanno chiesto all’UE di intervenire. Il proprietario…

Leggi articolo completo

PROTESTE STUDENTESCHE in TURCHIA

Dall’inizio del mese di gennaio decine di studenti e professori dell’Università del Bosforo (Boğaziçi) a Istanbul, a mezzogiorno si radunano nell’area del campus universitario per protestare contro le norme del nuovo rettore Melih Bulu legato al partito AkP di Erdogan avvenuta per decreto del Presidente, senza consultazione alcuna con gli organi rappresentativi degli studenti e dei professori. Le proteste si…

Leggi articolo completo
Translate »
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi